La mappa della Dirce tra storie e memorie

A spasso con laDirce: i suoi luoghi tra storie e memorie

Si è fatta un po’ desiderare ma finalmente è online: è la mappa con i luoghi raccontati dalla Dirce tra web e carta stampata. Per ora ci fermiamo in Italia, ma poi chissà…

In un post di qualche mese fa annunciavo la mappa della Dirce, che avrebbe dovuto occupare interamente il Dircefoglio dell’estate 2018 ma che per varie ragioni non sono riuscita a realizzare nei tempi previsti.
Come si dice, non tutto il male viene per nuocere e con la stagione autunnale sono arrivate nuove idee: a due anni dalla prima uscita sto rivedendo il progetto editoriale del foglio (a proposito, chi volesse essere avvisato di tutte le novità può iscriversi alla newsletter), mentre la mappa si è ampliata, e ora comprende non solo i luoghi di cui abbiamo parlato sul Dircefoglio ma anche quelli che raccontiamo qui sul blog.

Icona laDirce blog Google Maps

Questa icona indica i luoghi raccontati solo sul blog.

Icona Dircefoglio Google Maps

Questa icona indica i luoghi raccontati sul Dircefoglio (puoi leggere gli articoli anche sul blog).

La mappa è generata con Google Maps, è pubblica (tutti la possono visualizzare) ed è un mio regalo per i lettori del blog e per i luoghi e le persone che racconto sul web e sulla carta stampata da quasi vent’anni.
Parte dalla memoria ma traccia un itinerario reale: se vi trovate a passare in uno dei borghi, castelli, città segnalati potrete scoprirne qualche dettaglio inedito o comunque meno conosciuto, nella maggior parte dei casi attraverso le parole di chi quel luogo ha vissuto e contribuito a creare. In questo senso è un vero e proprio itinerario turistico, se la parola non fosse abusata direi quasi una “esperienza”.
Sulle esperienze si fondava infatti Un paese e cento storie, il progetto che nel 2005 ha visto l’esordio della Dirce: un progetto tra memoria e turismo responsabile (semplifico) nato quando l’idea di un turismo basato sul coinvolgimento delle comunità locali e in armonia con l’ambiente era ritenuta dai più una posizione elitaria. A questo tema sin dal primo numero il Dircefoglio ha dedicato spazi importanti, grazie anche alla collaborazione con il Centro di Studi Avanzati sul Turismo dell’Università di Bologna.

Storie e memorie tra Marche, Romagna e l’Italia

La Dircemappa si concentra sull’Italia, in particolare sul territorio marchignolo (al confine tra Marche e Romagna) dove laDirce è nata, rappresentato dal paese sulla torta, ma non mancano incursioni in altre regioni che insieme con laDirce frequento per diletto e per lavoro: ogni occasione è buona per applicare il Metodo Dirce, per verificarne la tenuta e i possibili miglioramenti e, puntualmente, per imparare qualcosa di nuovo.

Avrò modo di tornare sulla mappa e sui suoi contenuti; per ora vi dico solo che la aggiornerò con i nuovi post e che per scelta non contiene segnalazioni di attività commerciali (per questo ci saranno spazi appositi), fatta eccezione per un paio di esercizi dalla storia ultraquarantennale che sono ormai delle istituzioni.

A me e a tutti gli autori del Dircefoglio farà molto, molto piacere leggere i vostri commenti e se avete dei suggerimenti riguardo a luoghi che laDirce dovrebbe assolutamente conoscere e raccontare potete scrivermi dalla pagina Contatti.
Sarà bello per noi anche vedere la mappa condivisa, sui social e sui vostri blog, magazine o altro: purché, naturalmente, citiate la fonte (è sufficiente anche un semplice link al sito: https://ladirce.it).

Per oggi è tutto, ci sentiamo presto per gli auguri di Natale.
Buona navigazione!

Cristina Ortolani


2 comments on “A spasso con laDirce: i suoi luoghi tra storie e memorie

  1. gabriele geminiani

    Progetto affascinante quanto intelligente, bravissima Cristina!

    • Grazie, Gabriele!
      Anche a nome della Dirce e di tutti gli autori del Dircefoglio.
      A presto con nuovi luoghi e racconti – e Buon Natale 🙂

Lascia un commento!